Accattone e Mamma Roma, la rappresentazione di Poveri cristi

Accattone e Mamma Roma, la rappresentazione di Poveri cristi

È nel 1961 che Pier Paolo Pasolini esordisce alla regia con Accattone, il primo film da lui diretto.Un’opera che mostra uno stile registico nuovo e, forse inizialmente, incompreso anche dagli altri Maestri, come Federico Fellini che decide di non promuoverlo.Al di là delle difficoltà iniziali, Accattone è finalmente prodotto da Alfredo Bini, che peraltro produrrà ..

I cento anni di Pier Paolo Pasolini

I cento anni di Pier Paolo Pasolini

Sabato scorso, il cinque marzo, si è celebrato il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini. E’ giusto ricordarlo dedicandogli qualche parola, anche se non è semplice narrare di un personaggio così controverso senza rischiare di ripetere questioni già dette e già lette. D’altronde, come si può usare la lingua italiana per raccontare di un ..

Storie di un altro mondo

Storie di un altro mondo

Meet the Docs! Film Fest è un festival di documentari, ma non è solo un festival di documentari. È più un’occasione, visto che com’è strutturato, ed è più un viaggio, viste le possibilità che offre. Non ci sono solo proiezioni e le proiezioni sono sempre accompagnate da un tempo e da uno spazio dedicati al ..

È successo ancora? Friends The Reunion

È successo ancora? Friends The Reunion

Quando vidi per la prima volta Friends, ormai quattro anni fa, era appena finito Twin Peaks – Il Ritorno. Iniziai la serie un po’ per circostanza, incuriosito da qualche post sulla mia bacheca di Facebook che mi aveva fatto presente che la famosa sitcom, di cui non sapevo niente, fosse su Netflix. Non avevo mai iniziato e visto una sitcom dall’inizio, e ..

BILLY #4.2020

BILLY #4.2020

Scrivere un editoriale per il numero di fine anno di una rivista che parla di cinema (e altre perversioni) nell’annus horribilis della pandemia mondiale, è un esercizio un po’ particolare. Personalmente credo che la narrazione dominante e paternalistica che ha individuato e continua a individuare nel tempo libero — libero da cosa, poi? Dalla produzione, ..

BILLY #3.2020

BILLY #3.2020

Contenuto sensibile: contiene contenuti delicati che alcuni potrebbero trovare sensibili o disturbanti.  Capita spesso di imbattermi in questo monito che campeggia nei feed dei social sempre più di frequente, accompagnato dall’icona di un occhio barrato in diagonale, su uno sfondo sinistro e sfocato.  Queste avvertenze mi riportano indietro negli anni, quando guardavo con i miei ..

Culto senza tregua né pietà.
A proposito di “Oeconomia” di Carmen Losmann

In un frammento del 1921 Walter Benjamin tratteggia un’analisi della natura religiosa del capitalismo. La sua ipotesi va ben oltre quanto scritto, meno di vent’anni prima, da Max Weber. Quest’ultimo infatti sosteneva che dall’etica protestante fosse emerso lo spirito del capitalismo, ma come sua formazione secolarizzata. Non si trattava dunque più, per Weber, di culto ..

BILLY #2.2020

BILLY #2.2020

La resistenza del corpo “Il volto è quella lastra nervosa porta-organi che ha sacrificato l’essenziale della propria mobilità globa- le, e che raccoglie o esprime apertamente ogni specie di piccoli movimenti locali che il resto del corpo tiene normalmente nascosti” scriveva Gilles Deleuze in Immagine-movimento. Gli eventi che hanno marchiato la storia e la narrazione ..

BILLY #1.2020

BILLY #1.2020

Lo stato dell’arte Abbiamo scritto, riscritto, riformulato, disfatto e reinterpretato questo editoriale  rincorrendo l’attualità più recente, troppo sfuggente e troppo poco predicibile. Quando ragionavamo su questo primo numero di Billy di quello che si sarebbe da lì a poco rivelato un funesto 2020, la riflessione prendeva le mosse da una storia sinistra di contagio, confinata ..

Hereditary, o la genesi dell’ansia

Hereditary, o la genesi dell’ansia

Una casa in mezzo al bosco, una famiglia apparentemente normale intenta a prepararsi per la veglia dedicata alla nonna Ellen, appena morta. Questo lo scenario iniziale proposto in Hereditary – Le radici del male da Ari Aster, alla sua prima pellicola cinematografica. È necessario attendere un momento, scavare per arrivare in fondo e cercare quelle stesse radici ..

La rinascita del cinema horror

La rinascita del cinema horror

Negli ultimi anni mi sono avvicinato al cinema horror, genere che per molto tempo ho evitato in quanto grande cagasotto. A farmi “vincere la paura”, oltre al fatto di sentirmi meno impressionabile forse per l’età che avanza, sono stati anche preziosi consigli di amici su film giusti da vedere e la presa di coscienza, notando ..

Perché la serialità non sostituirà il cinema

Perché la serialità non sostituirà il cinema

È inutile negare che le serie tv siano il fenomeno del momento, che stiano riscuotendo sempre più successo (la loro ormai stabile presenza all’interno di festival cinematografici ne è la prova), e che il loro formato stia contagiando anche l’industria cinematografica. A questo proposito, in un articolo online de “La Stampa”[1], lo sceneggiatore Nicola Guaglianone ..

Il rimosso della contemporaneità

Il rimosso della contemporaneità

Qualche mese fa, proprio su BILLY, presentando il festival di documentari Meet The Docs!, scrivevo che i documentari sono importanti – oggi ancora più di ieri – perché, in un mondo che costruisce muri ad ogni bordo e su ogni lembo, i documentari sono in grado di abbattere questi muri e, con le relative macerie, di ..

Billy #1 – 2017

Billy #1 – 2017

Fuocoammare che vince a Berlino è una buona notizia? E Sacro GRA che vince Venezia? E le tante statuette di La La Land ci fanno felici? Perché il cinema è volontà e (auto)rappresentazione – giusto per ribaltare il titolo del nuovo numero cartaceo di BILLY? Un numero molto particolare, che ci piace molto, che ci intriga, perché ha elementi di ..

Billy #2 – 2017

Billy #2 – 2017

Perché Leonardo Di Costanzo abbandona il documentario per la fiction, dicendo che solo attraverso la fiction riesce davvero a raccontare la realtà? Perché Gianfranco Rosi vince a Venezia e a Berlino con due documentari che sembrano (e in larga misura sono) prodotti di finzione? Perché la strage di Columbine è meglio narrata da un film ..

Billy #2 – 2016

Numero di fine anno, per la nuova stagione di BILLY, quindi un numero di bilancia, mentre per il 2017 si agitano novità eccitanti. Un numero ancora dedicato all’atto di guardare, però, in cui ospitiamo le visioni, gli incubi, le opinioni e le provocazioni di altri agitatori culturali che hanno acconsentito ad accompagnarci. Silvia Camporesi con ..